La sharing economy è un nuovo modello di economia, alternativo al consumismo classico

http://www.chefuturo.it/tag/sharing-economy/

La sharing economy è un nuovo modello di economia, alternativo al consumismo classico, basato sull’ idea dell’ accesso e dell ‘ utilizzo di un bene, piuttosto che sul suo acquisto e possesso.
La parola chiave alla base della sharing economy è : CONDIVISIONE.Condivisione di cosa ? Di tutto ! Case, auto, bici… vestiti.. persino esperienze!
Cosa rende la sharing economy diversa rispetto ai servizi tradizionali?
Il punto di forza è sicuramente il COSTO INFERIORE, che di questi tempi di certo non guasta 🙂
Tra i principali vantaggi abbiamo anche una riduzione dell’ inquinamento ambientale mediante la condivisione dei mezzi di trasporto; e anche una maggiore occasione per socializzare con gli altri.
Sharing economy è sinonimo dunque anche di flessibilità : grazie alle nuove tecnologie e al sistema della condivisione si può risolvere il problema dei picchi di richiesta come nel caso Expo 2015.

Annunci

Un pensiero su “La sharing economy è un nuovo modello di economia, alternativo al consumismo classico

  1. Da qui nasce l’idea di un grande evento con partners internazionali che affronti i temi più aggiornati della Sharing Economy e che indichi alla futura amministrazione di Milano una strada per uno sviluppo equilibrato ma rapido delle varie forme di “condivisione” che arricchiscono ogni giorno di più l’economia mondiale. Finora Milano, con l’eccezione delle iniziative relative al sistema dei trasporti messe in atto dal Sindaco Moratti e dall’Assessore Croci, si è mossa timidamente, animata forse dalla buona volontà ma con risultati modesti. EXPO ha dato impulso alla modernità e ha portato la città all’attenzione internazionale: compito della futura Amministrazione cittadina cavalcare l’onda dell’esposizione universale in chiave di modernizzazione digitale, seguendo un percorso virtuoso verso una “smart city”, non solo a parole o come slogan, ma con effetive politiche “sharing” in tanti settori, dalla mobilità al mercato del lavoro, dalle modalità di utilizzo delle risorse alla loro distribuzione, dalla fruizione dei beni immateriali alla formazione. A questo processo possiamo dare un contributo fattivo con progetti innovativi caratterizzati anche dall’ analisi puntuale e trasparente dei risultati raggiunti attraverso la gestione degli Open Data che il Comune deve tempestivamente aggiornare e mettere a disposizione della comunità.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...